previous arrow
next arrow
Slider

La nostra Storia

Barbaiano, il colle su cui sorge la dimora della famiglia Violi, ha una storia lunga 1000 anni. Già nel 1072 fonti scritte parlano infatti di “San Sabino sito in Barbajano”, anche se, come dimostrano molti ritrovamenti, etruschi e romani già popolavano la zona tra il IV ed il III sec. AC. Fin dall’antichità questo luogo è stato deputato al riposo ed al relax. Trovandosi nel bel mezzo del cammino tra Arezzo e Siena e tra Firenze e Roma, al tempo in cui un viaggio poteva durare giorni o settimane intere, la dimora ha offerto nel corso del tempo riposo e ristoro a pellegrini e viaggiatori. Pievi, abbazie, monasteri ed ospedali con panorami sulla sottostante Val di Chiana e ben visibili dalla dimora, come il Monastero delle Benedettine o quello dei Cappuccini, svolgevano un tempo la stessa funzione. 

La dimora della famiglia Violi era uno dei luoghi in cui il viandante poteva ritrovare forza e serenità durante il viaggio: in posizione panoramica e protetta rispetto alla palude presente un tempo a valle, ha da sempre rappresentato una località adibita al riposo e alla quiete, a pochi km dai luoghi di preghiera di San Francesco presenti ad Arezzo e Cortona. Un luogo che tanto ha impressionato viaggiatori e artisti di ogni epoca.